13/12/16

Associazione Chicca, Lali e Iris : Feste di Natale, i rischi per i nostri animali

Ora che le nostre case sono tutte addobbate per le festività natalizie, bisogna ricordarsi che gli addobbi possono costituire un pericolo per i cani che sono felici ri rubare palline e decori per giocarci e magari mangiucchiarli, mentre i gatti possono cercare di salire sull'albero per giocare con i fili appesi. Ecco anche alcuni utili suggerimenti tratti dal web, a cura della dott.ssa Ventura (Veterinaria).



Il primo pensiero per tutti noi quando arriva il Natale è allestire un bell'albero e un bel presepe, ma per gli animali che sono molto curiosi, i nostri addobbi scelti con tana cura possono rappresentare seri pericoli: è bene evitare le palline e decorazioni in vetro e sostituirli con decori costruiti di materiale che non si possa rompere cadendo. È importante proteggere i cavi elettrici per evitare che possano prendere la scossa. I fili rappresentano il gioco preferito dei gatti e, se mangiati, possono comportare un’operazione per un filo attorcigliato alla base della lingua o, ancor peggio, per un corpo estraneo lineare a livello intestinale. Anche il polistirolo degli imballaggi è una classica attrazione per i cani. Piccola curiosità per “mettere al sicuro il vostro albero”: ci sono cani che marcano il terreno e a volte l’albero: in commercio ci sono degli spray repellenti per evitare questo problema. Per lo stesso motivo evitate di lasciare sotto l’albero i regali, che possono diventare un miraggio di gioco per il cane giocherellone, trasformando un caro o prezioso dono in un mucchio di carta strappata! 

È questo un periodo dove pasticcini e cioccolata abbondano in casa. Mai assecondare uno sguardo desideroso! Sono banditi tutti i sughi, condimenti, salse, cibi ricchi di grassi, aglio e cipolla, sempre presenti nei condimenti dei nostri cibi, che possono provocare gravi danni come l’emolisi. Ricordarsi di allontanare bene la spazzatura in cui possono trovarsi avanzi di carne e ossa, di qualsiasi specie: quelle piccole e taglienti come quelle di pollo e tacchino possono provocare lesioni al palato e all’intero apparato digerente, richiedendo in tal caso anche un intervento chirurgico, mentre quelle dure come il famoso osso buco o il ginocchio possono causare gravi costipazioni. Inoltre bisogna assolutamente sottolineare la tossicità di alcuni alimenti: tossici pericolosi sono la cioccolata: la teobromina, presente soprattutto in quella fondente, è tossica a livello renale; così come possono causare una insufficienza renale acuta i chicchi di uva e soprattutto l’uvetta sultanina (contenuta come ben sappiamo nel panettone). Non lasciate mai centritavola e piattini con caramelle, che possono contenere lo xilitolo! Non lasciate incustoditi cesti con frutta secca il cui mallo e i noccioli possono essere pericolosi. 

Da non dimenticare sono le piante che abbondano nelle case in questo mese: la Stella di natale, in tutte le sue componenti, è tossica per i nostri amici pelosi, così come lo sono il Tasso, il Vischio e l’agrifoglio: cercate di posizionare tali piante ornamentali in aree della casa inaccessibili ai nostri amici. 

 Non dimentichiamo nemmeno il Capodanno: è probabilmente la festa meno amata dai cani. Avendo un udito notevolmente più sviluppato di quello umano, numerosi animali domestici vivono molto male il rumore provocato dallo scoppio dei fuochi d’artificio, mentre altri sviluppano una vera e propria fobia specifica nei confronti di tali rumori. Alcuni rispondono spesso in modo esagerato al rumore, spesso cercando di fuggire o assumendo comportamenti ansiosi (come urinare in giro, vocalizzare, ansimare, tremare e tentare di nascondersi). In casi estremi, mostrano dei veri e propri attacchi di panico, gettandosi nel vuoto, divincolandosi follemente per fuggire, scavalcando recinzioni e possono fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la loro incolumità e quella dei passanti. Anche in questo caso è bene prendere dei provvedimenti: innanzitutto bisogna evitare di lasciarli soli e soprattutto all’aperto, o ancor peggio sul balcone. Contrariamente a quanto si possa pensare, non bisogna assolutamente rassicurarli prendendoli in braccio e stringendoli a sé: tutto ciò equivale infatti a premiarlo nel momento di agitazione, rafforzando quindi tale comportamento. È invece bene lasciarli nel luogo in cui si sono rifugiati, luogo che ritengono sicuro, ricordando anche che i cani percepiscono l’ansia dei proprietari. Chiudete le finestre e le porte, attutendo così al minimo i rumori, anzi mascherandoli con della musica o con la tv un tantino più alta del solito. Fornite distrazioni come ad esempio nuovi giocattoli. 

 Ancor più attenzione bisogna prestare per i mici che, se stressati, possono andare incontro a cistiti (chiamate appunto cistiti da stress), pericolose nei maschietti, arrivando addirittura alla ostruzione delle basse vie urinarie. A parte questi consigli, ci si può preparare a questi giorni stressanti per i nostri pazienti somministrando, sempre seguendo il consiglio e la prescrizione del veterinario di fiducia, cibi idonei contenenti caseina e tripsina, elementi che riescono a mantenere lo stato emozionale. Si possono somministrare integratori a base di caseina che sfrutta le proprietà rilassanti del latte per ridurre gli stati d’ansia e di stress. Oppure si possono utilizzare in casa dei diffusori per ambienti a base di ferormoni. Oltre ai doni per i nostri amici e familiari, il regalo più grande che possiamo fare ai nostri pelosoni è prendere tutte le dovute precauzioni affinché le feste natalizie non si trasformino per loro in un incubo.


Posta un commento