08/11/17

Il canile porta i cani alla follia



La vita in gabbia è una realtà spesso crudele, che può deprimere e alienare gli animali. Che sia una cuccia con le sbarre oppure un box gelido in un canile, la reclusione incide negativamente sull’umore di Fido. In alcuni casi la gabbia può condurlo alla follia pura. Del resto nessuno sceglierebbe spontaneamente di passare la sua vita in prigione, limitando la propria libertà fisica. Secondo uno studio condotto dall’Anthrozoology Institute dell’Università di Bristol, la reclusione porta i cani alla pazzia.


Hamish Denham, a capo della ricerca, ha videoregistrato 30 cani di razza Pastore Tedesco in forza alla Polizia. La notte in un box, dopo una giornata di azione e socializzazione, ha spinto molti di loro ad assumere comportamenti figli dell’alienazione, dello stress e del senso di reclusione. Molti esemplari saltavano contro il muro del box, camminavano in circolo, avanti e indietro, o ancora ossessivamente lungo il perimetro della gabbia.

Lo studio ha riscontrato similitudini comportamentali con gli esseri umani costretti alla galera. Una situazione che viene vissuta al pari della tortura e della punizione. Lo stesso vale per i cani che soffrono l’assenza di interazione sociale: questo può condurli al disordine psicologico. Infatti si parla di malattia mentale, “kennel crazy“, cioè follia da gabbia. I sintomi più comuni sono tutti ossessivo-compulsivi come masticare ripetutamente, saltare di continuo, tirare al guinzaglio con forza, quindi letargia, inappetenza, depressione e automutilazione.

Spesso questa condizione porta i cani, in particolare quelli in canile, a manifestare problemi di tipo comportamentale. La mancanza di tempo e risorse per rieducarli li trasforma in esemplari non adottabili. Una condizione penalizzante che li costringe al dolore e alla morte: nelle strutture in USA, dove non è contemplata l’adozione, la soppressione è l’arma finale per contenere il numero dei randagi e le spese. In Italia invece le adozioni sono indispensabili per garantire una chance di salvezza in più per cani costretti alla vita in canile.

(Fonte:  http://www.greenstyle.it/canile-cani-follia-82997.html)