19 gen 2019

Milioni di alberi da salvare in Tanzania: Firma la petizione!

 (© nyiragongo/istockphoto.com)

Il governo della Tanzania vuole costruire una diga nella Selous Game Reserve. Una porzione del sito patrimonio dell'UNESCO e habitat della fauna iconica dell'Africa, subirebbe danni gravi. Un’area di 1.500 km2 – l’estensione di Londra – potrà essere deforestata. 


Per favore, aiutateci a proteggere Selous.



Branchi di elefanti vagano nella savana, assieme alle giraffe, e ippopotami immersi nel fiume. I leoni inseguono le loro prede. La Selous Game Reserve è vibrante di vita, ma è minacciata da un progetto idroelettrico. Una diga nella gola di Stiegler, nel fiume Rufiji, patrimonio dell'UNESCO, sarebbe un disastro ecologico.

Il governo della Tanzania non ha mai fatto una valutazione di impatto ambientale. Il presidente John Magufuli vuole passare ai fatti e abbattere 2,6 milioni di alberi. Un totale di 1.500 km2 di foresta e savana saranno abbattuti e poi inondati - pari all'area di Londra. A dicembre 2018, il governo ha aggiudicato la concessione dei lavori ad un consorzio egiziano.

Gli ambientalisti temono la distruzione dell'area protetta già seriamente compromessa.Temono la distruzione finale dell'area protetta, che è già stata danneggiata. Una miniera di uranio minaccia di distruggere parte della riserva.L'UNESCO ha quindi inserito Selous nella lista del Patrimonio Mondiale in Pericolo nel 2014. La popolazione di elefanti è crollata. L'organizzazione ha espresso preoccupazione per il governo tanzaniano a febbraio, senza successo.

L'impatto della diga si sentirebbe a valle  enel delta del fiume Rufiji e in una delle foreste di mangrovie più grandi del mondo. Metterebbe in pericolo il sostegno di 200.000 persone, in particolare di piccoli agricoltori e pescatori.


Di certo la la Tanzania ha bisogno urgente di una rete elettrica migliore, ma 2,6 milioni di alberi non possono essere abbattuti. 

Firma questa petizione per la protezione della Selous Game Reserve.

(Fonte: www.salviamolaforesta.org)

Nessun commento:

Posta un commento